Il russo Maksimov Aleksandr vince nei quad, mentre è il duo Labille-Niveau in testa alla categoria SidebySide

 Elementi chiave

  • Con 2 vittorie di tappa De Soultrait è il leader della generale
  • Ieri sera le autorità di Erfoud e Merzouga hanno dato il via ufficiale della 1a tappa dei SidebySide in notturna
  • Trampolino per la Dakar, l’Afriquia Merzouga Rally si conferma un laboratorio perfetto per apprendere e migliorare la navigazione

TAPPA 2 Liaison 44 km SS2 188 km Liaison 9 km

I concorrenti hanno iniziato la tappa odierna di 188 km al lago Jasmina nei pressi di Merzouga per un anello nelle dune dell’ Erg Chebbi. Xavier De Soultrait ha aperto la pista ed è stato il primo a passare al CP1. Raggiunto dal compagno di squadra Franco Caimi al km 100, i due hanno continuato insieme, fin quando l’argentina si è perso nella parte finale della tappa caratterizzata attraversamenti di oued e piste molto segnate.

De Soultrait si è assicurato la vittoria della seconda tappa, davanti a Gerard Farres, Alessandro Botturi (Yamaha Boars Rally Team), Juan Pedrero (Sherco TVS) e Ivan Cervantes (KTM).

“Questa mattina ero teso” ha confessato De Soultrait, “fino ad oggi non avevo mai aperto pista nelle dune così sentivo la pressione. La navigazione era difficile e dovevi seguire il road book alla lettera. Dal km 100 ho fatto un pezzo di strada con Franco (Caimi). Ci siamo aiutati a vicenda perché il rally raid è uno sport di squadra”.

“E’ stata una tappa molto navigata nel puro spirito di questo rally”, ha dichiarato Alessandro Botturi all’arrivo, per niente provato dal caldo, “Sono partito 3° ma ho fatto un piccolo errore e Pedrero e Cervantes mi hanno raggiunto. Sono soddisfatto, oggi non ho spinto troppo perchè era facile sbagliare”.

De Soultrait guida adesso la classifica generale provvisoria davanti a Farres e Botturi. Bella prova anche per Jacopo Cerutti 8°, con Simone Agazzi 16° e Maurizio Gerini 19° al suo primo Afriquia Merzouga Rally. Bene anche Ciotti 27°, Fasani 37°, Missoni 39° e Pedemonte 46°.

Il russo Maksimov Aleksandr (Troyka Team) si è aggiudicato la vittoria di tappa davanti a Jeremias Gonzalez, leader della generale, con Simon Vitse, 3°.

Vittoria di tappa e testa della generale per Labille-Niveau nei SidebySeide con un incisivo Checco Tonetti-Roman, 2° di tappa e nella generale. Benissimo anche Camelia Liparoti , 3° al debutto nella categoria ma con ben 9 Dakar alle spalle. La classifica provvisoria generale recita: Labille-Niveau, Tonetti-Roman, Henrichy-Bersey.

Joel Labille (Motricity): “La speciale in notturna è stata veramente particolare. Oggi il paesaggio era bellissimo ma ci sono stati 2-3 punti di navigazione veramente tosti”.

Curiosità: l’India si scopre appassionata di rally raid.

In India CS Santosh è quasi sinonimo di rally raid: primo pilota indiano sulla Dakar e 36° al debutto! Tornato nel 2016 e ancora nel 2017 (47 °) ha aperto la strada per altri piloti indiani, come Aravind Prabhakar e quest’anno e Abdul Wahid Tanveer, vincitore del Dakar Challenge nella Baja India. “Questo è il mio primo rally internazionale ed la prima volta che ho preso un aereo! “, ha detto Wahid, “trovo la navigazione molto dura, mentre amo le dune”.

L’ingresso di Hero MotoSports con un team ufficiale proprio sull’ Afriquia Merzouga Rally 2016 ha poi rappresentato una vera svolta. “Siamo felici di tornare su questo rally, dove abbiamo debutto lo scorso anno con Joaquim Rodrigues e CS Santosh”, ha dichiarato Markus Braunsperger CTO Hero MotoCorp, “i nostri prodotti sono conosciuti nel mondo per la loro robustezza, affidabilità e qualità. Pertanto, è un passo logico per noi partecipare agli eventi internazionali di Rally Raid. La nostra esperienza racing sarà preziosa anche a livello di ricerca e sviluppo per il prodotto.. Siamo qui per allenarci per Dakar 2018 ”

On the road to Dakar:

Il 21enne pilota polacco Maciej Giemza (Orlen Team) è all’ Afriquia Merzouga Rally per acquisire esperienza per la Dakar: “Vengo dall’enduro e questo è il terzo rally che faccio in vita mia. Sono qui per imparare e mi è servito molto il laboratorio di Marc Coma sulla preparazione del road book”.

Il consiglio del Coach

Jean Brucy: “a volte ti devi costringere a non seguire le tracce di altri piloti perché potrebbero portarti nella direzione sbagliata. Fidati del tuo intuito e segui il road book “.

Statistiche
38 anni l’età media dei concorrenti
# 161 l’argentino Manuel Andujar (Mec Team Honda quad) è il pilota più giovane: 20 anni
# 214 Il francese Daniel Perno (AT4R Polaris) è il pilota più anziano: 66 anni