Punti chiave

• L’Afriquia Merzouga Rally è l’unico rally al mondo in cui i concorrenti possono imparare direttamente dalle leggende della Dakar

• Marc Coma salirà in cattedra ogni sera per affrontare i temi più importanti della disciplina rally raid

• Grande novità quest’anno: la presenza di Giovanni Sala e Jean Brucy a supporto degli amatori Nemmeno nei sogni più dolci si può accarezzare l’idea di giocare a calcio con Maradona, prendere una lezione di tennis da Roger Federer o domandare a Sebastian Vettel alcuni consigli pratici per migliorare la propria tecnica di guida. All’Afriquia Merzouga Rally tutto questo è possibile. Ciò che rende unico questo rally non sono solo la magnificenza del deserto, la cura nel disegnare il percorso e il road book o l’atmosfera familiare del bivacco. All’Afriquia Merzouga Rally gli amatori possono imparare direttamente dalle leggende della Dakar e i Like Tweet Pin +1 Pro possono chiedere suggerimenti per migliorare ulteriormente le loro competenze. L’anno scorso la prima edizione dei laboratori di Marc Coma è stata un successo. Quest’anno l’impegno è triplo. A scuola con Marc Coma Come sulla Dakar, Marc Coma è il direttore sportivo della prova. Ogni sera però il 5 volte vincitore della Dakar salirà in cattedra per affrontare un tema specifico legato alla disciplina rally raid. In particolare quest’anno i laboratori si concentreranno su:

• Roadbook: come non perdersi – Metodologia road book e spiegazioni

• Comportamento in caso di emergenza – Come reagire quando si arriva sulla scena di un incidente

• Man vs Wild – come si prepara la tappa Marathon

• In My Mind – Pianificazione (gestione del tempo, dello stress, preparazione fisica e mentale …)

Imparare da Giovanni Sala e Jean Brucy Oltre al “professore” Marc Coma, Giovanni Sala e Jean Brucy saranno a supporto dei concorrenti nella preparazione del road book, ma anche sulle speciali per consigli pratici. “Insieme a Jean Brucy, compagno di tante Dakar in Africa, condivideremo la nostra esperienza con i piloti che affrontano per la prima volta il deserto” ha commentato Gio’ Sala, “sono felice di tornare sui rally dopo molti anni trascorsi nel Campionato del Mondo di Enduro come ispettore FIM “. Giovanni Sala non ha bisogno di presentazioni: ultimo italiano a salire sul podio della Dakar (3° nel 2006), Gio’ Sala è anche 6 volte Campione del Mondo Enduro, ha vinto quattro volte la Sei Giorni Enduro (ISDE) con il Team Italiano ed ha corso tutta la sua carriera mondiale con KTM. Ritiratosi dal Campionato del Mondo di Enduro al termine della stagione 2004 ha continuato a gareggiare nell’Italiano, dove ha vinto diversi titoli, e alla Dakar. Ora lavora come ispettore di corsi per la FIM. Jean Brucy è un pilota francese che ha corso con Honda, BMW e KTM con alle spalle 25 anni nei rally e 16 Dakar in moto (finendone 12), 11 Dakar in auto e numerosi altri rally in Tunisia, Marocco, Dubai, Australia e Mongolia. Tra le sue principali competenze l’eccellente navigazione, la conoscenza tecnica e meccanica.